THE MICAM

MILANO

12-15 FEBBRAIO 2017

CPM

МОСSCA

20-23 FEBBRAIO 2017

WHITE

MILANO

25-27 FEBBRAIO 2017

SOLE COMMERCE

NEW YORK

27 FEBBRAIO - 01 MARZO 2017

CHIC

SHANGHAI

15-17 MARZO 2017

OBUV MIR KHOZY

MOSCA

21-24 MARZO 2017

FASHION WORLD

TOKYO

5-7 APRILE 2017

SHOES FROM ITALY

ALMATY

5-7 APRILE 2016

Il viaggio creativo e formativo, la nostalgia per la terra d’origine e il valore affettivo di un portafortuna sono alla base della storia raccontata da Piccione.Piccione per la nuova collezione che ha sfilato sabato 31 gennaio ad AltaRoma AltaModa in uno speciale allestimento all’interno del Museo MAXXI.
Per questo evento Salvatore Piccione ha scelto le scarpe di Giovanni Fabiani. Due i modelli iconici del brand rivisitati in esclusiva per la sfilata Piccione.Piccione: il sabot stringato e la décolléte a punta con laccetto sulla caviglia. Le creazioni di Giovanni Fabiani giocano con gli accostamenti tra i colori nero profondo e rosso lacca, bianco neve e delicato nude, per l’occasione personalizzate da Salvatore Piccione con dettagli sartoriali a forma di coccinella che si fondono in una sublime simbiosi con le linee e i disegni degli abiti.

 

 Domenica 26 Luglio ha debuttato allo Sferisterio di Macerata la ripresa del regista Leo Muscato dell’opera La Bohème di Giacomo Puccini. L’azienda di calzature Giovanni Fabiani, world sponsor del Macerata Opera Festival, ancora una volta si pone in primo piano per sostenere l’arte e l’italianità con il connubio tra moda e lirica.

Carmela Remigio, artista dalla notorietà internazionale, calca il palcoscenico dello Sferisterio nelle vesti della protagonista Mimì, indossando un paio di pump Giovanni Fabiani in camoscio declinato in una tonalità di grigio con un sapore di raffinata melanconia.

In scena una versione dell’opera pucciniana ambientata nella viva e incandescente Parigi del ’68 in cui una coloratissima Mimì appare con una femminilità charmante e una personalità vivace e travolgente, in linea con lo stile Giovanni Fabiani e il suo gusto estremamente evoluto ma assolutamente atemporale, grazie allo stile e alla tradizione di artigianalità che contraddistingue il brand.

La Bohème firmata da Leo Muscato si inserisce pienamente tra gli spettacoli più apprezzati e fortunati del Macerata Opera e viene riproposto in tutta la sua bellezza al Festival prima di essere ospitato, a partire da ottobre, dai Teatri del Circuito Lirico Lombardo e Reggio Emilia.

Il Bolshoi parlerà italiano dal 14 al 20 Giugno grazie ad una masterclass sulla dizione e sullo stile nelle opere italiane che sarà tenuta dal direttore artistico del Macerata Opera Festival Francesco Micheli e il Maestro Nicola Giuliani.

Il teatro russo ospiterà l’iniziativa, promossa da Sferisterio e Giovanni Fabiani, che permetterà a tredici giovani talenti dello "Young Artists Opera Program" (tre soprani, tre tenori, due baritoni, due bassi e tre pianisti) di perfezionare la conoscenza del repertorio lirico mondiale. Alla chiusura della masterclass, il Bolshoi ospiterà l’esibizione degli allievi partecipanti, tra tutti un unico sele-zionato si esibirà successivamente nel contesto del Macerata Opera Festival in programma a Luglio 2015.

Al suo quinto anno, lo "Young Artists Opera Program" è stato il trampolino di lancio per numerosi cantanti che ad oggi si sono esibiti nei maggiori teatri mondiali, come il Met di New York, Colón di Buenos Aires, Opéra National de Paris, la Scala di Milano.

L’iniziativa, realizzata in collaborazione con l'Istituto italiano di cultura (Icc), con il consolato gene-rale di Mosca e promossa dal calzaturificio Giovanni Fabiani in qualità di world sponsor, si inserisce nella serie di attività che il Macerata Opera Festival sta dedicando alla Russia per sostenere e di-vulgare la cultura musicale dell’opera lirica italiana nel mondo.

Giovanni Fabiani finanzia la scuola e porta l’opera italiana in Russia.